Categories:

Il 16 aprile scorso a New York, con una lunghissima standing ovation, ha calato il sipario per l’ultima volta sul musical più longevo di Broadway, «Il Fantasma dell’Opera» di A. L. Webber, dopo più di 35 anni di repliche.

Ma pensavate che la storia del “fantasma” Erik e della bella soprano Christine Daèe fosse finita qui?

Ebbene signori vi sbagliavate di grosso!

Un musical da record

Composto da A .L. Webber e basato sull’omonimo romanzo francese del 1910 scritto da Gastone Leroux, “Il fantasma dell’Opera” ha debuttato a Londra nel lontano 1986, dove è rimasto in scena fino ad oggi con 8 rappresentazioni a settimana per 52 settimane l’anno.
Dal suo debutto a Londra è stato visto da oltre 145 milioni di persone, in 183 città e 17 lingue, oltre ad aver ricevuto più di 70 importanti premi teatrali, tra cui 7 Tony e 4 Olivier.
È inoltre uno dei prodotti di intrattenimento più proficui della storia, includendo il cinema e qualsiasi altro genere di spettacolo (nel 2004 ne è stata prodotta una versione cinematografica diretta dal regista di Hollywood Joel Schumacher).

E’ il turno dell’Italia

Ed ora è finalmente arrivato il turno del pubblico italiano di immaginare di seguire il tanto temuto “fantasma” fino ai suoi buoi sotterranei all’interno dell’Opera Garnier di Parigi!
Il musical ha infatti debuttato lo scorso 4 luglio al Rossetti di Trieste con una nuova produzione, diretta da Federico Bellone, con orchestra dal vivo e cast internazionale.
Due settimane di repliche che hanno preceduto quelle in programma al Teatro Arcimboldi di Milano dall’11 al 22 ottobre.
Un debutto di grande successo quello del nostro Erik quindi, nonostante purtroppo il nostro paese non sia ancora molto abituato alla cultura dei musical.

Sono infatti previste in primavera nuove date e nuove tappe.
E voi cosa aspettate a prenotare i vostri biglietti?
Ma mi raccomando non dimenticati di tenere d’occhio il lampadario!

Federica Leonardi

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *